GRAZIA SALIERNO

Grazia Salierno è una pittrice che si distingue per l’eleganza con cui dà vita a corpi leggeri e dinamici che emergono con forza da sfondi neutri, ritratti nella loro essenzialità e armonizzati in un luogo indefinito come un fermo immagine dell’esistenza.

Sono un’artista visiva, tratto la pittura da molti anni approfondendo la tecnica dell’olio e dell’acquerello; non abbandonando il disegno, forte delle sue esili linee ma importantissimo, struttura portante del tutto. Sono tornata alla pittura, all’arte, dopo le mie due gravidanze. Iniziato il percorso non mi sono mai fermata, sentivo di voler qualcosa di più da lei, la pittura, da me. Le scelte si sono sempre più chiarite e fortificate, le tecniche cercate ed avvicinate alle mie tematiche. Oggi sono meno insicura, ma consapevole che la mia scelta è stata giusta, nonostante le difficoltà, legate a tante cose.

Sento di avvicinarmi a qualcosa che è dentro me, e girando attorno alla tematica del movimento sono stata attratta dalla danza che mi ha sempre affascinata da bambina. Ora ha una valenza diversa, perchè si tratta di corpi leggeri, perchè sono attraversati da energia che si disperde.

La pittura sin ora mi porta ad una parziale soddisfazione nello svolgimento di questo mio tema; la fotografia che mi ha sempre aiutata come punto di partenza delle mie opere, pian piano ne sento la validità come fine a se stessa. L’opera nasce da scatti mossi, di soggetti che passano, danzano, e a volte un fotogramma ha una forza che mi convince a lasciarlo esistere come foto. Cercherò altre forme espressive, ne sono sicura.

Le ultime opere sono quelle che conservano il gesto, ne sento ancora il pathos nel processo di lavorazione (molto veloce, solitamente).

Quando sento che è terminato un acquerello, o una tela, quel momento unico, forte, dura poco perchè poi c’è un’altra visione che parte e vuole uscire nel successivo lavoro.

Ricerco ambiti espositivi e concorsi, ritengo sia importante lavorare anche in quello. Nell’associazionismo trovo la maniera entusiasmante di creare progetti e portare l’arte al servizio del sociale.

 

 

– Intervista in esclusiva per Art Open Space. Ogni riproduzione è vietata. –